Passeggiata nel Centro storico

Rotonda offre al visitatore la suggestione di un paesaggio unico, ricco di tradizioni antichissime e di una Rotonda dall’alto
ospitalita autentica e generosa.
Chiese, portali in pietra, i resti dell’Elephas, il borgo con i vicoli e gli scorci che si affacciano sulla valle del
Mercure, la festa di Sant Antonio, la gastronomia, le vie dell’acqua, la sede dell’ Ente Parco del Pollino e il suo
Ecomuseo la rendono una meta interessante in tutte le stagioni. Risulta essere punto di partenza ideale per chi vuole scoprire le bellezze del Pollino.

Passeggiata nel Centro storico

Il borgo, detto “ u Casteddru” di Rotonda sorge sull’ antico sito di origine romana (citato da Tito Livio).
Perdersi nei vicoli, per rimanere affascinati da scorci suggestivi e dalle lavorazioni in pietra di portali e fontane,pregevoli opere degli scalpellini locali, fino ad arrivare alla Croce, sulla rupe, dove il panorama sulla valle del Mercure vi affascinerà.

Una visita alle Chiese e alle Cappelle

Chiesa Matrice della Natività di Maria Vergine fu edificata nella prima metà del XVIII secolo con facciata
principale in stile romanico lucano, una torre campanaria di epoca recente e una torre che funge da orologio.
Chiesa dell’ Annunciazione (o di Sant’ Antonio da Padova) luogo di culto centrale in occasione della Festa di
Sant’ Antonio.
Chiesa del Santo Rosario era in passato il più antico edificio sacro di Rotonda, si trova nella parte alta del
borgo.Santuario di Santa Maria della Consolazione si trova a circa un chilometro dal centro. All’esterno una stele in
pietra con epigrafe in latino ricorda un miracolo compiuto dalla Madonna, nel 1837, quando salvò la popolazione
rotondese da una terribile epidemia di colera. Passeggiando nel borgo si possono inoltre ammirare le
innumerevoli cappelle votive.

 

 

Lascia un commento